Psicologa Sessuologa Clinica ad Alba (CN)

Calo del desiderio: cause e cure

Alba, Asti e Santo Stefano Belbo

  • Home
  • Articoli
  • Calo del desiderio: cause e cure
Sessuologia Alba Cuneo

Calo del desiderio: cause e cure

Il calo del desiderio sessuale comporta la riduzione o anche la totale assenza di interesse per l’attività sessuale: le fantasie e i pensieri sessuali diminuiscono (o arrivano a scomparire) così come l’iniziativa ad avere rapporti sessuali con il proprio/la propria partner (anche qualora sia l’altro/l’altra a farsi avanti).

Sul desiderio sessuale influiscono molteplici fattori che vanno considerati nel determinare le cause di riduzione o assenza del desiderio stesso.

Dal punto di vista fisiologico, alcuni aspetti da considerare sono:

  • i livelli ormonali. Il testosterone rappresenta il principale ormone coinvolto nel desiderio, determinando un aumento dello stesso quando i valori sono più alti e una diminuzione a fronte di valori più bassi. Un altro ormone che entra in gioco è rappresentato dalla dopamina: livelli bassi hanno un effetto negativo sulla sessualità: ad esempio se si è particolarmente apatici e svogliati (cosa che in genere si accompagna ad una diminuzione di dopamina) il desiderio tende a calare. Anche i livelli di prolattina hanno un impatto importante: ad esempio in una donna che ha appena partorito e che probabilmente allatta (cosa che si associa ad un aumento dei livelli di prolattina) si va incontro ad una riduzione del desiderio;
  • lo stato fisico. La presenza di malattie o la stanchezza fisica protratta nel tempo hanno un forte impatto sul desiderio essendo con esso in rapporto inversamente proporzionale: più si è malati/stanchi meno si ha desiderio sessuale;
  • il sonno. Il modo in cui dormiamo ha un’influenza significativa sul desiderio, in questo caso in rapporto direttamente proporzionale: cioè meno dormiamo e meno desiderio abbiamo (ovviamente è fondamentale la qualità del sonno oltre alla quantità).

Dal punto di vista psicologico, alcuni aspetti da considerare sono:

  • la soddisfazione per la propria vita sessuale. Se l’attività sessuale non risulta così piacevole, è automatico che si abbia meno voglia di farne esperienza poiché desiderio e piacere sessuale si influenzano scambievolmente in modo direttamente proporzionale;
  • il rapporto con il/la partner. Se la relazione con il proprio/la propria partner risulta problematica (altamente conflittuale, poco stimolante) è facile che si perda la voglia di avere rapporti sessuali;
  • il periodo post-partum. Con la nascita di un figlio si modificano gli equilibri della coppia, cosa che può comportare una difficoltà a gestire lo spazio per la sessualità, con conseguente riduzione del desiderio;
  • la presenza di una qualche disfunzione sessuale.  La disfunzione erettile, l’anorgasmia, il dolore sessuale sono alcuni esempi di problematiche che presentandosi vanno a minare il livello di soddisfazione sessuale e quindi del desiderio (vedi primo punto dei fattori psicologici).

Un tempo il calo del desiderio sessuale veniva indicato come frigidità, considerata prerogativa esclusivamente femminile: infatti un basso desiderio tendeva ad essere attribuito più che altro alla donna. In realtà in sessuologia è chiaro che il calo del desiderio può riguardare tanto l’uomo quanto la donna. Anche se fisiologicamente i livelli di testosterone tendono ad essere più bassi nelle femmine, teniamo in considerazione che, come precedentemente esposto, questo ormone è solo uno dei tanti fattori che vanno ad impattare sul desiderio sessuale.

Per quanto riguarda il trattamento, è necessario richiedere una consulenza al Sessuologo per poter giungere ad una diagnosi il più precisa possibile ed individuare le cause che hanno determinato il calo del desiderio e se esse siano di natura organica, psicogena o entrambe le cose.

Successivamente il Sessuologo potrà anche avvalersi della collaborazione di medici specialisti (come l’endocrinologo) qualora sia necessario intervenire anche su fattori fisici (come i livelli ormonali).  

Il trattamento può essere rivolto al singolo ma anche alla coppia. La terapia mirata prevede un ciclo di sedute individuali e/o di coppia per intervenire sulle problematiche in atto e favorire una riattivazione sessuale.

Dott.ssa Valentina Francesca Minniti
Psicologa - Sessuologa Alba, Asti e Santo Stefano Belbo

CONTATTI
  • Studio Privato: Corso Europa 100 - ALBA
    Mercoledì dalle 9 alle 20, Venerdì dalle 9 alle 20, Sabato dalle 9 alle 14
  • Poliambulatorio Medico Specialistico SSB: Piazza Costa, 7 - SANTO STEFANO BELBO
    Martedì dalle 9 alle 17

La Dr.ssa è reperibile telefonicamente dal martedì al venerdì dalle 9 alle 20 e il sabato mattina alle 9 alle 14

In caso di mancata risposta, è possibile inviare un SMS con nome e cognome e sarete richiamati il prima possibile


© 2016. «Dott.ssa Valentina Minniti». AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi. I consigli forniti via web o email vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento. La visita psicologica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico. ©2016 Tutti i testi presenti su questo sito sono di proprietà della Dottoressa Valentina Francesca Minniti.
© 2016. «powered by Psicologi Italia». E' severamente vietata la riproduzione, anche parziale, delle pagine e dei contenuti di questo sito.